Georges Braque

"Occorre avere sempre due idee: una per distruggere l'altra. Difendere un'idea è assumere un atteggiamento."  G. Braque

Imposta la direzione decrescente
per pagina

26 elementi

Imposta la direzione decrescente
per pagina

26 elementi

GEORGE BRAQUEGeorges Braque, pittore e scultore francese, è insieme al celebre Picasso l'artista che diede inizio al movimento cubista. Nasce il 13 maggio del 1882 ad Argenteuil in una famiglia di artisti, figlio di Augustine Johannet e di Charles Braque. Nel 1899 lascia il liceo e lavora come apprendista dal padre (che si occupa di pittura) e poi da un amico decoratore. Nel 1902 si trasferisce a Montmartre rue Lepic ed entra nell'Académie Humbert di Boulevard de Rochechouar. Nel frattempo, studia gli impressionisti al museo del Lussemburgo, dove si trovano opere di Gustave Caillebotte e apre un atelier in Rue d'Orsel.

Nell'inverno tra il 1905 e il 1906 Georges inizia a dipingere secondo le tecniche dei fauves, complice l'influenza dell'arte di Henri Matisse: decide di utilizzare colori brillanti, ma soprattutto di non rinunciare alla libertà della composizione.

Nel 1907 Braque ha modo di visitare la retrospettiva dedicata a Paul Cézanne allestita in occasione del Salon d'automne: in questa circostanza ha l'opportunità di entrare in contatto con Pablo Picasso, che sta realizzando "Les demoiselles d'Avignon". Tale incontro lo influenza profondamente, al punto da indurlo a interessarsi all'arte primitiva. Eliminando artifici come il chiaroscuro e la prospettiva, nelle sue opere successive Georges Braque riduce la tavolozza usando solo le tonalità del bruno e del verde, sfruttando i volumi geometrici.

Tra il 1909 e il 1914 i progressi nell'arte plastica di Braque e Picasso furono favoriti da una proficua amicizia. Da questo stimolante connubio nacque una nuova visione dello spazio pittorico, che presenta oggetti smembrati e sfaccettature creati dallo spezzettarsi dei piani: è la fase del cosiddetto cubismo analitico. Nello sforzo di rappresentare volumi sempre più complessi per renderli in ogni loro sfaccettatura, le tele di Braque divennero pressoché indecifrabili, a dispetto dell'astrazione che tanto aveva ricusato. Per questo, nell'autunno del 1911, egli introdusse nei suoi quadri segni riconoscibili quali lettere e cifre stampate e, l'anno seguente, sperimentò la tecnica del collage che gli consentì di creare una sintesi di elementi diversi per descrivere con chiarezza un oggetto attraverso la dissociazione di forme e colori. La proficua collaborazione tra Braque e Picasso si interruppe nel 1914, quando Braque fu chiamato alle armi e per questo è costretto a interrompere la collaborazione con Picasso. Dopo essere rimasto ferito nel corso della Prima Guerra Mondiale, riprende a lavorare ma in maniera autonoma, optando per lo sviluppo di uno stile personale, contraddistinto da superfici a trama e colori vivaci.

In questi anni si occupa anche di alcuni lavori decorativi: al 1948 risale la scultura della porta del tabernacolo della chiesa di Assy, mentre dell'inizio degli anni Cinquanta è la decorazione del soffitto della sala etrusca del museo del Louvre, a Parigi.

Georges Braque muore il 31 agosto del 1963 a Parigi.