Kaws

Imposta la direzione decrescente
per pagina
Imposta la direzione decrescente
per pagina

Kaws: Biografia

Kaws, artista e designer statunitense è famoso per i suoi “toys”, gli iconici personaggi ispirati al mondo Pop e alla cultura di massa che prendono forma nelle sue inconfondibili sculture, ma anche in dipinti, installazioni e opere grafiche.

Nato Brian Donnelly nel 1974 a Jersey City, si avvicina al mondo della street art da giovanissimo, mentre frequentava la St. Anthony High School. Lì nasce lo pseudonimo dell’artista “KAWS”, che lui dipinge sul tetto di un edificio vicino, così da poterlo vedere a scuola durante le ore di lezione. Come lui stesso ha dichiarato, il suo nome d’arte non ha alcun significato ed è stato scelto dall’artista per ragioni estetiche, per come le lettere stavano le une accanto alle altre.

Dopo aver continuato gli studi alla School of Visual Arts di New York City lavora in città come grafico per note serie animate (di queste “101 Dalmatians: The Series”). In parallello, di notte, la sua carriera da street artist nella New York degli anni Novanta. Nascono così i suoi primi graffiti sotto forma di “subvertising”, alterazioni di pubblicità e cartellonistica che con tono provocatorio e parodistico sovvertono lo spazio urbano.

Kaws: Companion e gli irresistibili “toys”

Dalle prime opere di street art lo stile di KAWS si evolve e nasce il soggetto più iconico della produzione di KAWS: Companion. Si tratta del primo “toy” dell’artista, creato dopo aver visitato il Giappone nel 1999 ed essere stato colpito da Bounty Hunter, brand streetwear produttore di giocattoli.

Con il suo primo pupazzo, KAWS ottiene subito un enorme successo. L’opera di KAWS Companion (1999) è infatti prodotta in edizione limitata di 500 esemplari e va sold out in pochissimo tempo. Da quel momento Companion diventa il suo personaggio più ricorrente e iconico, ma nascono altri “pupazzi”, in parte anche ispirati a personaggi preesistenti del mondo Pop e della cultura di massa come SpongeBob, Snoopy, Darth Vader, l’omino Michelin e molti altri. Tra i più noti troviamo Accomplice, Chum, Bendy, BFF e Bearbrick.

E non si può non citare The Kimpsons, serie ispirata ai Simpson che ha portato nel 2019 all’attuale record d’asta dell’artista. L’opera di KAWS The Kaws Album è stata infatti venduta da Sotheby’s ad Hong Kong per l’equivalente di oltre 13 milioni di euro (buyer premium incluso), segnando il record dell’artista. Il dipinto ad acrilico su tela del 2005 rappresentava una reinterpretazione della copertina dell’album dei Beatles Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band, ma con i personaggi dei Simpson ad affollare la composizione.

Toccando un’ampia varietà di tecniche differenti, i vari personaggi inventati dall’artista passano da giocattoli/action figure a dipinti, opere grafiche, installazioni e vere e proprie sculture. In più di un’occasione, grazie a KAWS statue di grandi dimensioni sono state installate nello spazio urbano e tra le sue opere di maggiori dimensioni ricordiamo una versione gonfiabile galleggiante di Companion di oltre 35 metri di lunghezza installata nel 2019 al Victoria Harbor di Hong Kong.

Il paragone con Warhol e gli influssi di Kaws

KAWS è stato paragonato a Jean-Michel Basquiat e Keith Haring, il cui stile inimitabile è nato in strada per poi solo dopo incontrare l’attenzione di critici e galleristi. Un secondo accostamento associa KAWS ad artisti come Andy Warhol e Jeff Koons: questo per il profondo legame con la società di massa e per la comprensione istintiva delle possibilità dell'arte nell'era della riproduzione meccanica.

KAWS ha citato le sue influenze, che variano da Claes Oldenburg e Tom Wesselman a Takashi Murakami. In particolare Murakami condivide con KAWS l’idea di un’arte che si espande in collaborazioni con brand, progetti e produzioni in larga scala.

Le collaborazioni con i brand

“KAWS si posiziona perfettamente tra l’arte di alto livello, la cultura street e il mercato di massa. I suoi riferimenti alla cultura popolare catturano l'essenza dello spirito del passato e del presente, sovvertendo gli eroi dei cartoni animati per rafforzare l'idea che lui non fa distinzione tra i concetti di arte alta e bassa.” - Alex Branczik, Senior Director di Sotheby’s

Nei primi anni 2000, KAWS lancia con successo il suo brand di moda, Original Fake, ma ancora più di successo sono state le sue collaborazioni con brand e celebrity di tutto il mondo.

Tra le collaborazioni con brand streetwear di culto ricordiamo Bathing Ape e Supreme, ma anche Undercover, Burton, Vans e altri ancora.

Nel 2008 ha disegnato la copertina dell’album 808s & Heartbreak di Kanye West, e più recentemente ha disegnato un modello di Nike Air Jordans.

Nel 2019, per la settimana della moda di Parigi, il designer di Dior Kim Jones ha messo in scena nella sua collezione Primavera/Estate 2019 un'interpretazione di KAWS dell'iconico design dell'ape del brand e nella location della sfilata compariva una scultura di fiori rosa alta 10 metri del personaggio "BFF" di KAWS, in abito Dior.

E infine tra le collaborazioni più di successo dell’artista ricordiamo Uniqlo x KAWS, che ha portato nel 2019 a una capsule collection per celebrare l’anniversario del brand giapponese. Andata in sold out in tempi record, la collezione univa riferimenti agli iconici toys di KAWS con i personaggi di Sesame Street, serie televisiva americana degli anni Settanta.

KAWS: OPERE IN VENDITA CON PREZZI E QUOTAZIONI DA DEODATO ARTE

Per chi fosse interessato a dove comprare KAWS, Deodato Arte offre di una selezione di opere dell’artista in vendita online.

Se interessato a conoscere di Kaws prezzi, quotazioni o quali opere saranno in esposizione presso la Galleria d'Arte Contemporanea Deodato Arte non esitare a contattarci mandando una e-mail all’indirizzo [email protected].