Balloons

Imposta la direzione decrescente
per pagina
Imposta la direzione decrescente
per pagina

Jeff Koons - Balloons 

Tra le opere della serie Celebration di Jeff Koons, i Balloons sono certamente le più celebri. L’iconografia inconfondibile dell’artista fonde cultura pop e arte di appropriazione alle tematiche che modellano il nostro tempo, come i media, la celebrità, il desiderio e la sessualità. 

palloncini di Jeff Koons, opere dalla semplicità solo apparente, hanno raggiunto dei prezzi record per il mercato dell’arte contemporanea. Nel 2013, il suo Balloon Dog Orange è stato venduto all’asta da Christie’s per 58,4 milioni di dollari, la somma più alta raggiunta da un artista vivente fino a quel momento. 

Più di recente, nel 2019, è stato un coniglio di Inox creato da Koons nel 1986 a battere ancora il record. Ad aggiudicarselo per 91,1 milioni di dollari è stato il gallerista Robert Mnuchin. Secondo Christie’s, la scultura, creata in edizione limitata di tre esemplari, era l’ultima rimasta in mani private. 

La serie di Jeff Koons Celebration nasce nel 1993 come un’ambiziosa collezione di più di trenta sculture monumentali e dipinti. L’intento dell’artista è di celebrare valori universali attraverso un elogio all’infanzia, ai colori dei suoi festeggiamenti, alla spensieratezza dei suoi compleanni. 

La realizzazione dei Balloons originali, sculture in acciaio inox con un rivestimento colorato trasparente, ha richiesto all’artista un investimento di tempo e denaro senza precedenti. Le opere monumentali sono alte più di dieci piedi e pesano diverse tonnellate.

Per ultimare il suo progetto, Koons ha potuto contare sul supporto di amici, collezionisti e galleristi. Nessuno è rimasto deluso. Le sue creature di acciaio color caramella hanno visitato il tetto del Met, i giardini di Versailles e il Whitney. 

Dopo il record del Balloon DogJeff Koons ha esteso i soggetti di Celebration a opere di dimensioni minori in edizione limitata, realizzando piccoli cigni, cani, conigli, Veneri e scimmie in collaborazione con Bernandaud, un’impresa familiare di produzione di porcellana con più di 150 anni di esperienza.

“Mi sono sempre piaciuti i palloncini perché sono come noi. Siamo palloncini. Se fai un respiro e inspiri, è ottimismo. Espiri, ed è una specie di simbolo di morte.”