Banksy - Opere Street Art

Banksy: Opere in Vendita on-line della Street Art di Banksy. Scopri Disegni, Graffiti, Litografie di Banksy con Prezzi e Quotazioni.

Imposta la direzione decrescente
per pagina

17 elementi

Imposta la direzione decrescente
per pagina

17 elementi

Storia ed Opere dello Street Artist Banksy

L'Artista Contemporaneo e Writer inglese Banksy viene definito come uno dei maggiori esponenti della Street Art.

Il mistero celato dietro alla sua identità ha contribuito negli anni ad accrescere la popolarità dello stesso, rendendolo tra gli artisti di strada più famoso di sempre.

Grazie alla tecnica della Stencil Art Banksy è riuscito a trovare il modo di realizzare le sue opere in tempi brevissimi, usando le città che ha visitato come tele.

Nelle sue Opere Banksy affronta argomenti come la politica, la cultura e l'etica, reinterpretati sotto forma satirica per enfatizzarne il significato.

Vediamo di seguito come è nata la Street Art di Banksy e scopriamo Curiosità ed Ipotesi sull'identità segreta dell'artista osservando le Opere più Famose e i Quadri e Graffiti del Celebre Street Artist Britannico.



Biografia Banksy - I Punti Salienti della Vita di Banksy

Nel 2000 lo Street Artist Banksy si trasferisce a Londra (si dice sia nato a Bristol), dove continua a coltivare la passione per i graffiti raffinando la sua tecnica.

L'Artista inglese passa all'utilizzo degli Stencil, che gli permettevano di realizzare i disegni in serigrafia ma soprattutto in tempi brevissimi, riuscendo a mantenere l'anonimato.

Nel 2003, con la carriera in piena ascesa, a seguito di una collaborazione con il gruppo inglese Blur, viene realizzata da Banksy Think Tank, la copertina del loro album.

Sempre in quell'anno l'artista cominciò a dedicarsi anche alle rivisitazioni di grandi capolavori del passato, come ad esempio la personalizzazione che fece allo Stagno delle Ninfee di Monet, aggiungendo della spazzatura nell'acqua.

L'ironia satirica e sovversiva che caratterizzava i lavori dello Street Artist ha suscitato grande curiosità e scalpore negli anni.

Ad esempio come quando nel 2004 prese di mira la famiglia reale, riproducendo delle banconote da 10 sterline con la faccia della principessa Diana al posto della Regina Elisabetta e la scritta "Banksy d'Inghilterra" invece che "Banca d'Inghilterra".

Nel 2005 troveremo di Banksy Opere in Cisgiordania dove richiama l'attenzione dei media sulla situazione causata dalla guerra, grazie ai graffiti realizzati sul muro che divideva questa città da Israele.

La fama dell'artista è ormai nota a livello internazionale, e nel 2008 riesce ad organizzare il Cans Festival, una mostra dedicata alla Stencil Art in un tunnel abbandonato di Londra, dove parteciparono numerosi artisti da tutto il mondo.

Nel 2010 il writer prende il ruolo di regista debuttando al Sundance Film Festival con Exit Through the Gift Shop dove racconta parte della vita di Thierry Guetta.

Realizzando questo Documentario Banksy riscosse un enorme successo, tant'è che il suo lavoro venne candidato agli Oscar del 2011 come miglior documentario, e lo stesso Banksy venne nominato Person of the Year ai Webby Awards 2014.

In concomitanza con la proiezione del documentario in America, l'artista cominciò a riempire la città con le sue opere, diventando celebre anche tra le star americane.

Nel 2015 nasce l'installazione artistica temporanea di Banksy Dismaland, che resterà aperta dal 21 agosto al 27 settembre dello stesso anno.

L'ultima trovata di Banksy si è verificata di recente, infatti a ottobre del 2019 l'artista ha aperto il Gross Domestic Product a Londra, un negozio a porte chiuse che poteva essere visto solo dall'esterno.

Il 13 Ottobre il Temporary Shop è stato chiuso ma è stato possibile prenotare di Banksy opere in vendita online nello Shop ideato appositamente,  entro il 28 ottobre 2019.

Insieme all'apertura delle prenotazioni sul sito del Gross Domestic Product è apparso un link nel footer che riporta al nuovo sito BBay.

Giorno dopo giorno l'artista fa parlare di sé e riesce sempre a stupire il pubblico con opere ed installazione d'effetto e dal grande carattere riflessivo.


Chi è Banksy? L'Identità Nascosta dello Street Artist

Lo sconosciuto ma allo stesso tempo famosissimo Street Artist Banksy è senza dubbio tra i più noti artisti di strada di sempre.

L'identità nascosta è tra i fattori che hanno aiutato il writer ad incrementare la sua fama creando un mito, infatti le uniche informazioni piuttosto certe sono che Banksy è nato a Bristol nel 1974.

Banksy ha cominciato a creare i suoi primi lavori a mano libera nella scena underground di Bristol, nel centro giovanile di Barton Hill.

Le sue prime collaborazioni furono con la DryBreadZ Crew prendendo ispirazione dagli artisti locali, usando pseudonimi come Tes e Kato.

Negli anni l'artista è stato associato a diversi individui tra cui Robert del Naja dei Massive Attack, Robin Cunningham e Mr. Brainwash, ma si è anche ipotizzato che si trattasse di una donna o addirittura un gruppo di artisti.

Sono pochissime le persone che hanno avuto il privilegio di intervistarlo negli anni, una di queste è Simon Hattenstone di Guardian Unlimited.

Il giornalista lo descrive come un incrocio tra l'attore Jimmy Nail ed il rapper britannico Mike Skinner, per il suo look insolito che includeva dente, catenina e orecchino d'argento.

Una cosa è certa, Banksy negli anni di carriera ha dimostrato al mondo che si può essere famosi anche mantenendo l'anonimato.


É Banksy Mr. Brainwash?

Tra i nomi che troviamo associati all'identità di Banksy, come accennato prima, spicca quello di Mr. Brainwash, uno degli Street Artist Contemporanei più celebri di sempre.

Mr. Brainwash, pseudonimo di Thierry Guetta, nasce in Francia nel 1966 e cresce a Los Angeles, dove inizia a conoscere il mondo della Street Art rimanendone affascinato.

Nei primi anni 2000 Thierry comincia a seguire personaggi di spicco tra gli artisti di strada, come il cugino Invader e l'amico Shepard Fairey, noto anche come Obey.

L'artista nascente si divertiva filmando le loro uscite notturne con una videocamera, allo stesso tempo assimilandone le tecniche.

Proprio grazie ad Obey, avviene l'incontro Mr. Brainwash Banksy, con cui nasce una collaborazione artistica che si trasformerà poi in grande amicizia.

Mr Brainwash è Banksy?
Mr. Brainwash è una delle Ipotetiche Identità di Banksy

L'artista nascente si divertiva filmando le loro uscite notturne con una videocamera, allo stesso tempo assimilandone le tecniche.

Proprio grazie ad Obey, avviene l'incontro Mr. Brainwash Banksy, con cui nasce una collaborazione artistica che si trasformerà poi in grande amicizia.

Banksy accetta di essere filmato da Thierry come gli altri artisti, poiché l'idea di un documentario sulla Street Art lo incuriosiva, mostrando nelle inquadrature solo le mani e le spalle per mantenere l'anonimato.

Lo stesso Banksy però non rimane soddisfatto da questo lavoro e consiglia a Thierry di mollare la telecamera e dedicarsi all'arte mostrando le sue opere a qualcuno.

A quel punto i ruoli si invertono: Banksy prende il posto di regista e comincia a filmare con l'aiuto di Fairey, quello che da li in poi si farà chiamare Mr. Brainwash.

Da questo progetto nasce Exit Through The Gift Shop, un fim documentario che descrive l'ascesa artistica di Mr. Brainwash.

Il documentario era basato su riprese di performance artistiche ed interviste ad alcuni Street Artist tra cui lo stesso Banksy che compare con il viso oscurato.

Nel 2008 Thierry organizza la sua prima mostra personale a Los Angeles in grande stile, intitolata Life is Beautiful, in cui mostra le sue doti artistiche creando un grande evento.

Mixando Warhol con Basquiat, unendo Keith Haring a Pollock e usando anche le opere di Banksy, Mr. Brainwash riscosse un enorme successo facendosi strada nel mondo dell'Arte Contemporanea.

Nel 2010 Exit Through the Gift Shop viene candidato agli Oscar, conferendo ai due artisti ancora più popolarità.

Il legame degli Street Artist è ormai noto a tutti e con l'uscita del film si cominciano a fare le prime ipotesi sulla possibilità che Mr. Brainwash Banksy sia in realtà la stessa persona.

Come prima cosa lo stile dei due era molto simile; infatti Mr. Brainwash utilizzava spesso le immagini iconiche di Banksy per i suoi lavori che diventavano alla fine un collage di opere e tecniche diverse.

Inoltre la predilezione di Banksy per Mr. Brainwash è vista come una cosa insolita dato che difficilmente un artista di strada si interessa così tanto al successo di un altro artista di strada.

Le supposizioni fatte negli anni sono state diverse e a smentire questa teoria ci sono una serie di documenti ufficiali che attestano la vita di Thierry Guetta a Los Angeles e che rendono improbabile questa ipotesi.

L'unica cosa che possiamo dire è che Mr. Brainwash si può sicuramente definire la più grande opera di Banksy.


Robert del Naja dei Massive Attack è Banksy?

Un altro dei nomi associati alla possibile identità di Banksy è quello di Robert del Naja, front man del gruppo britannico trip hop Massive Attack.

Sono state diverse le coincidenze nel corso degli anni che hanno portato a questo collegamento, anche se la vera identità di Banksy rimane ancora un mistero.

Per cominciare la città natale dei due artisti è la stessa, Bristol, dove entrambi hanno mosso i primi passi nel mondo della Street Art.

Robert del Naja, noto anche con lo pseudonimo 3D infatti era inizialmente un writer e faceva parte dei The Wild Bunch, realizzando graffiti in giro per la città.

Banksy faceva parte dei DryBreadZ di Bristol e anche lui si dilettava a riempire i muri degli edifici con i suoi lavori.

A Robert del Naja si può attribuire il merito di aver portato la tecnica dello stencil nella Street Art di Bristol, metodo che a Banksy piace molto, al punto di adottarla come tecnica personale nelle sue realizzazioni artistiche.

Robert del Naja è Banksy?
Il Cantante dei Massive Attack Robert del Naja è Banksy?

Il writer 3D compare anche nel documentario girato da Banksy, Exit Through The Gift Shop, che gli restituisce il favore a sua volta scrivendo l'introduzione del libro di Mr Del Naja "3D & the Art of Massive Attack".

In questo pezzo Banksy racconta che quando aveva 10 anni c'era un bambino chiamato 3D che dipingeva le strade, cosa che in seguito ha smesso di fare per formare la band Massive Attack.

L'artista dichiara che questa sarebbe stata una grande fortuna per 3D, ma al tempo stesso sarebbe stata una grande perdita per la città e sottolinea quanto per Banksy fosse stato fonte di ispirazione.

La connessione tra Banksy e Robert del Naja è abbastanza evidente.

La teoria che siano la stessa persona viene alimentata anche dal giornalista Craig Williams, il quale fa notare grazie a delle indagini, come le date dei tour dei Massive Attack corrispondessero con la comparsa delle Opere di Banksy in luoghi vicini.

Williams ha scoperto almeno sei occasioni in cui i Murales di Banksy sono comparsi nella stessa città poco prima o poco dopo i concerti del gruppo britannico.

Una di queste è stata durante un'esibizione dei Massive Attack alla Sound Accademy di Toronto, dove lo stesso giorno sono apparsi dei lavori di Banksy.

In un'altra occasione è successo a New York, quando insieme all'arrivo della band in città si vede spuntare The Street is in Play di Banksy.

Lo stesso schema si ripete a sua volta a Melbourne, Boston, Los Angeles e New Orleans.

Il giornalista Williams a questo punto ipotizza che dietro all'Identità di Banksy si potrebbe nascondere anche un gruppo di più artisti che segue i Massive Attack in giro per il mondo, ma molti restano convinti che si tratti di Robert del Naja.

Oltre a quanto già detto, tra gli episodi che associano Banksy a del Naja c'è anche la famosa gaffe del produttore musicale Goldie, durante un'intervista alla radio.

A una domanda sulla mercificazione dell'arte di Banksy, Goldie ha risposto: "Prendi una maglietta, mettici su delle lettere da graffiti, poi scrivi 'Banksy' e siamo a posto. Possiamo venderla subito." Poi ha continuato dicendo: "Non per mancare di rispetto a Robert, lo ritengo un artista brillante e penso che abbia stravolto il mondo dell'arte."

Ma quale Robert?? Il momento di silenzio e l'evidente imbarazzo del produttore che ha velocemente cambiato discorso, hanno fatto subito pensare al collegamento più ovvio: Banksy potrebbe davvero essere Robert del Naja dei Massive Attack.

L'ultimo inizio che richiama l'attenzione su questo argomento è apparso di recente, a ottobre del 2019, in un installazione temporanea allestita a Londra da Banksy, il Gross Domestic Product.

Il GDP è un'esposizione a porte chiuse di alcune Opere di Banksy, e nasce in un negozio di tappezzerie dismesso, a causa di un contenzioso legale che vede coinvolto l'artista.

I prodotti si possono acquistare tramite uno shop online appositamente creato e in mezzo a questi compare un'oggetto che incuriosisce gli osservatori più attenti.

In una delle vetrine è presente un camino che contiene un cartello, con la stessa immagine comparsa sul album di esordio dei Massive Attack Blue Lines del 1991.

Non sappiamo se sia un'altra delle burle di Banksy oppure un'indizio sulla sua vera identità, sappiamo solo che gli elementi che accomunano i due artisti negli anni sono davvero tanti.


Teorie Scientifiche: Banksy è Robin Gunningham?

Il mistero dietro all'identità di Banksy è diventato col passare del tempo un'argomento che ha appassionato ed interessato gente in ogni parte del mondo.

Tra i profili correlati al genio della Street Art compare anche Robin Cunningham, rinominato per la prima volta come Banksy dal quotidiano Daily Mail nel 2008.

Nel 2016 alcuni studiosi della Queen Mary University di Londra hanno svolto un'accurata ricerca utilizzando delle tecniche di geolocalizzazione chiamate Dirichlet Process Mixture (DPM) che vengono solitamente impiegate per la ricerca dei criminali seriali.

Hanno constatato che il profilo di Robin Gunnigham potrebbe corrispondere all'identità di Banksy.

Si tratterebbe di un inglese di 42 anni nato a Bristol in una famiglia della middle class, istruito in scuole private ed appassionato di arte, trasferitosi poi a Londra nel 2000.

In base alla cronologia della comparsa dei graffiti di Banksy, anche quest'ultimo negli anni 2000 concentrava i suoi lavori a Londra.

Gli studiosi dell'università hanno appreso le loro informazioni passando al setaccio oltre 140 posti in cui Banksy ha realizzato le sue opere, creando una mappatura dei luoghi più frequentati dal writer.

Mettendo a confronto questi punti con le informazioni pubbliche disponibili e i dettagli raccontati dall'artista nelle varie interviste, hanno constatato che c'erano diverse compatibilità con gli spostamenti di Robin Gunningham.

Grazie allo studio è emersa la vicinanza tra i murales di Banksy e luoghi collegati a Gunningham ovvero:

  • - gli appartamenti della moglie di Robin a Londra nella zona di Great North Road e nella Old Street,
  • - le case dello stesso Gunnigham a Bristol di Easton e Baptist
  • - i campi da gioco della scuola elementare di Mills.

La ricerca della Queen Mary University peraltro, ha attirato l'attenzione degli avvocati di Banksy, che volevano verificare le modalità con cui lo studio sarebbe stato proposto alla stampa, ritardando la pubblicazione di qualche giorno.

Anche in questo caso non si è potuto attestare con certezza assoluta che Banksy sia Robin Gunnigham, lasciando quel alone di mistero che caratterizza da sempre lo Street Artist.


Banksy: Opere Street Art

In tutto il Mondo è possibile trovare di Banksy Opere d'Arte famose caratterizzate da immagini d'effetto spesso accompagnate da slogan, per favorire l'immediatezza del messaggio che vuole trasmettere con la sua Street Art.

Per alcuni i suoi lavori sono toccanti, stimolanti e divertenti, mentre per altri è semplice vandalismo; la cosa certa è che Banksy ha uno spiccato talento per trasmettere le sue opinioni in un modo che nessuno ha saputo fare finora.

Usando gli edifici delle città, i ponti e qualsiasi cosa lo ispirasse per creare i suoi Murales Banksy è riuscito ad avvicinare l'arte al grande pubblico e a farsi conoscere a livello internazionale nonostante non si possa associare un volto alla suo nome.

Nelle sue Opere Banksy ha come soggetti preferiti anziani, bambini, poliziotti o anche animali come le scimmie e i topi, soprattutto questi ultimi sono utilizzati molto spesso nei suoi disegni.

In tutte le Opere di Banksy vengono raffigurati in chiave ironica e satirica i problemi che affliggono la società odierna, a partire da quelli politici, fino ad arrivare a quelli culturali ed etici.

Vediamo di seguito alcune delle Opere Street Art di Banksy più famose.


Banksy - Balloon Girl - La Bambina con Palloncino di Banksy

In Balloon Girl, Banksy raffigura una bambina con la mano protesa verso un palloncino rosso a forma di cuore che viene portato via dal vento e non lontano compare la scritta "c'è sempre speranza".

Il colore rosso del palloncino vuole contrastare il nero predominante dell'immagine richiamando una metafora: anche nei momenti bui della vita ci possono essere sprazzi di luce, bisogna sempre avere speranza.

La prima rappresentazione Street Art di Girl With Balloon compare a Waterloo Bridge nel 2002, sebbene non sia l'unica fatta a Londra.

L'immagine della Bambina con Palloncino di Banksy è diventata una delle figure più utilizzate dall'artista.

Le varianti sono state impiegate per sostenere campagne sociali, tra cui quella in Cisgiordania del 2005, quella per la crisi dei rifugiati siriani nel 2014 e anche per le elezioni britanniche del 2017.

Balloon Girl - Banksy
Murales a Londra, Waterloo Bridge - 2002 - Balloon Girl - Banksy

Nel 2018 grazie a Balloon Girl Banksy ha fatto molto parlare di se e il quadro della Bambina col Palloncino ha raggiunto l'apice della popolarità all'asta di Sotheby's.

L'Opera di Banksy infatti, dopo essere stata venduta all'asta per oltre un milione di Sterline, venne semidistrutta da un meccanismo interno installato dallo stesso artista.

Il quadro è stato rinominato Love is in the Bin e autenticato dal Pest Control di Banksy, ovvero l'organismo nominato dal writer per le autenticazioni delle sue opere.

Sotheby's ha definito Balloon Girl di Banksy come la prima opera d'arte nella storia ad essere stata creata dal vivo durante un'asta.


Banksy - Flower Thrower - Il Lanciatore di Fiori

Il murales di Banksy Flower Thrower fa parte di un gruppo di Opere Street Art realizzate dal writer durante il suo viaggio in Cisgiordania.

L'Opera è stata creata sul muro di un edificio privato a Gerusalemme ed è sicuramente uno dei suoi lavori più famosi e riprodotti.

Flower Thrower raffigura un giovane uomo con il volto coperto da un fazzoletto che sembrerebbe coinvolto in uno scontro, pronto a lanciare un mazzo di fiori al posto di una molotov.

Questo Murales di Banksy è realizzato in bianco e nero, l'unico punto in cui si concentra il colore sono i fiori che stanno a simboleggiare la pace.

L'artista decise di rappresentare il lanciatore di fiori in una zona ad alto conflitto, per dare un messaggio immediato e diretto.

I fiori inoltre potevano anche essere intesi come simbolo commemorativo per le vittime che ci sono state negli anni.

L'immagine di Flower Thrower è stata utilizzata da Banksy anche per la copertina del libro Wall and Piece, una raccolta dei suoi lavori del 2005.

Di recente una serigrafia della stessa opera è stata esposta nel temporary shop di Banksy a Londra, il Gross Domestic Product.

Banksy - Flower Thrower
Il Famoso Flower Thrower ( Lanciatore di Fiori ) di Banksy

Banksy - Kissing Coppers

L'opera di Banksy Kissing Coppers viene realizzata dall'artista nel 2004 a Brighton sul muro del Pub Price Albert in Trafalgar Street.

Questo murales rappresenta due poliziotti in divisa apparentemente di sesso maschile che si scambiano un tenero bacio e può essere interpretato in diversi modi.

Banksy innanzitutto vuole trasmettere un messaggio di tolleranza dell'identità sessuale, mettendo le icone dell'autorità in una posizione a favore dei gay.

Sebbene alcuni abbiano interpretato questo lavoro come una beffa verso gli agenti di polizia, mostrandoli in un momento intimo, altri hanno colto l'aspetto umano che si cela dietro alle forze dell'ordine, sottolineando il forte legame che c'è tra partner e compagni di squadra.

Negli anni questa, come molte Opere di Street Art by Banksy, è stata danneggiata da attacchi di vandali, il che ha portato il proprietario del Pub a venderla ad una galleria di New York nel 2008.

Banksy - Kissing Coppers
Il Murales di Banksy Kissing Coppers

Nel 2011, dopo essere stata trasferita su tela da un'azienda specializzata nel restauro di opere d'arte, è stata sostituita con un fac-simile protetto da una lastra di Perspex.

The Kissing Coppers è infine stata battuta all'asta per 575000 Dollari nel 2014 dalla Faam di Miami ed acquistato da un compratore anonimo.

L'iconica immagine dei poliziotti di Banksy è stata usata anche come immagine per la campagna del Moco Museum durante il Gay Pride ad Amsterdam nel 2018.


Banksy - Pulp Fiction

La prima versione di Pulp Fiction dello Street Artist Banksy, comparve vicino alla stazione della metropolitana di Old Street a Londra nel 2002.

Nell'opera Pulp Fiction, Banksy raffigura una famosa scena dell'omonimo film di Quentin Tarantino del 1994 in cui compaiono i due personaggi interpretati da Samuel L. Jackson e John Travolta che tengono in mano una banana al posto di una pistola.

Nel 2004 è stata prodotta un'edizione di 150 copie ufficiali firmate Pulp Fiction e 600 stampe non firmate.

Nel 2007, l'ente che gestisce i trasporti pubblici "Trasport for London", ha deciso di cancellare l'immagine di Banksy coprendola con una vernice nera dopo 5 anni.

Pulp Fiction - Banksy
Pulp Fiction - Banksy

L'ente giustificò questo provvedimento dicendo che l'opera conferiva un aspetto di decadenza sociale ed abbandono alla capitale, nonostante attirasse fan e turisti in grande quantità che criticarono duramente tale scelta.

Il Murale di Banksy Pulp Fiction, che era stato valutato 300000£ e poi coperto, lasciò il posto a una scritta dedicata all'artista da un'altro writer:

"Torna Presto" e così fu. In risposta a questa richiesta, sullo stesso muro Banksy realizzò un'altro capolavoro, i protagonisti erano i medesimi solo che questa volta i due personaggi erano vestiti da banana e tenevano in mano una pistola vera.

Anche stavolta il graffito dell'artista è stato coperto, in quest'occasione da un writer di nome Ozone che gli lancia una provocazione scrivendoci sopra: "Se è meglio la prossima volta lo lascio".

Lo stesso Ozone morì poco tempo dopo a 19 anni insieme al collega Wants, travolto da un treno sotterraneo a Barking, East London.

A seguito di questa tragedia Banksy creò una nuova opera in memoria dei due artisti, nello stesso punto in cui era stato realizzato Pulp Fiction, che verrà poi rinominata Ozone's Angel.

In questa immagine egli rappresentò un angelo con un giubbotto anti proiettile che tiene un teschio nella mano destra, ma pubblicò anche una nota sul suo sito web in cui ricordava Ozone come un grande artista.


Napalm Girl - Banksy - Can't Beat That Feeling

Napalm Girl è uno dei lavori più incisivi, toccanti e provocatori di Banksy del 2004, che per quest'opera riutilizza uno scatto iconico del fotografo Nick Ut del 1972 sulla guerra in Vietnam, intitolato The Terror of War.

La foto usata ritrae una bambina di nome Kim Puch che fugge disperata dal suo villaggio mentre viene attaccato col napalm.

Banksy ha isolato la figura della bambina e vi ha affiancato le immagini di Ronald Mc Donald e Topolino, icone del capitalismo americano per famiglie, stesso paese che ha lanciato le bombe sul Vietnam.

Il contrasto fra l'espressione di terrore sul volto della bambina e i sorrisi luminosi dei due personaggi è quasi inquietante.

L'artista vuole provocare una reazione forte, mettendo in evidenza sia il lato spensierato e divertente della cultura americana, che il lato cupo e superficiale di un paese capitalista che sgancia bombe sulle persone.

Napalm Girl è una delle poche opere di Banksy che non è mai comparsa per strada.

Napalm Girl - Banksy
Opera di Banksy - Napalm Girl

Sweep it Under the Carpet - Banksy - Spazzalo Sotto il Tappeto

Sweep it Under the Carpet di Banksy compare per la prima volta nel 2006, su un muro all'incrocio tra Regents Park Road e Chalk Farm Road, a nord di Londra.

In quest'Opera Street Art viene raffigurata una donna vestita da cameriera, che tira su il muro come fosse una tenda, spazzandoci sotto lo sporco.

Con questo Murales Banksy voleva denunciare la riluttanza con cui il governo affrontava il problema dell'AIDS, come a voler nascondere il problema sotto al tappeto.

Inoltre l'artista sottolinea come in passato solo Principi e Papi avevano la possibilità di farsi ritrarre e presenta la cameriera come Leanne, una donna piuttosto esuberante che puliva la sua stanza in un motel di Los Angeles.

Opera di Banksy - Sweet It Under the Carpet
Opera a Londra di Banksy - Sweep It Under the Carpet

Il giornale britannico The Independent in passato ha affermato di aver commissionato questo lavoro a Banksy, il quale però ha prontamente smentito la notizia tramite il suo sito web, dicendo che lui non svolge ne ha intenzione di svolgere in futuro graffiti su commissione.

Nel 2007, un'altra rappresentazione di Sweep it Under the Carpet è comparsa sulla parete della WhiteCube Gallery che da su Hoxton Square, ma è stata rimossa 2 mesi dopo.

Pare che la politica della galleria imponesse la rimozione dei graffiti il giorno successivo alla loro comparsa e sebbene con l'opera di Banksy fosse stata fatta un'eccezione prorogando di un mese la cancellazione, ben presto sparì lasciando tutti amareggiati.

La WhiteCube si difese dicendo che non era stata una loro idea cancellare i Graffiti di Banksy, i quali volevano preservare l'opera, ma non sanno a chi attribuire la responsabilità di tale gesto.


Banksy: Napoli ha l'Unica Opera Italiana - Madonna con la Pistola

Parlando di Murales le opzioni sono limitate per chi desidera vedere di Banksy Opere in Italia.

La Madonna con la Pistola di Banksy è infatti l'unica opera esistente dell'artista britannico in Italia, e si trova a Napoli in via dei Tribunali.

Anche per questa rappresentazione l'artista utilizza la tecnica dello stencil e rappresenta la Madonna con lo sguardo afflitto rivolto verso l'alto e una pistola al posto dell'aureola.

Con quest'Opera Street Art Banksy vuole enfatizzare l'aspetto di devozione spirituale del popolo partenopeo, che allo stesso tempo convive a stretto contatto con la criminalità.

Di recente, grazie ad Alessandro Bello, la Madonna con la Pistola è stata coperta da una lastra di plexiglass per essere preservata.

Il fan di Banksy ha raccolto 16500 firme con una petizione, chiedendo al Comune di occuparsi della salvaguardia dell'opera riparandola con una copertura.

Sebbene l'intervento non sia stato messo in atto dal comune di Napoli ma direttamente da un cittadino privato, la Madonna con la Pistola può ritenersi protetta.

Madonna con Pistola By Banksy - Napoli
Napoli - Banksy - Madonna con Pistola

In passato Banksy a Napoli aveva realizzato anche un'altra opera, ispirata all'Estasi della Beata Ludovica Albertoni di Bernini, rappresentata mentre consumava patatine fritte e bibita di una nota catena di fast food americani.

Quest'ultima venne coperta da un writer locale nel 2010, che in seguito si pentì e si scusò con la città per il danno arrecato, l'opera era stata valutata intorno ai 100000 Dollari.


Devolved Parliament - Banksy da Record!!!

Devolved Parliament di Banksy è una rappresentazione ironica del parlamento britannico in stile accademico, dove i deputati vengono raffigurati sotto forma di scimpanzé.

Con questo Quadro Banksy vuole sottolineare il suo disappunto verso il governo sulla gestione delle questioni politiche.

Il fatto che il dipinto sia stato realizzato 10 anni prima dell'annuncio Brexit, dimostra la lungimiranza e la capacità dell'artista di prevedere gli eventi rappresentandoli nei suoi lavori.

La versione originale dell'opera si chiamava Question Time e venne esposta per la prima volta nel 2009 in una mostra di 12 settimane a Bristol, città natale di Banksy.

Devolved Parliament - Banksy
Devolved Parliament - Banksy

Successivamente la tela, in occasione degli avvenimenti legati alla Brexit, ha subito delle modifiche rispetto all'originale; è stata quindi rinominata Devolved Parliament e venduta all'attuale proprietario.

Sono diverse le differenze che si possono notare nelle due versioni conosciute, a partire dagli enormi lampadari, accesi nel primo quadro e assenti nel secondo, fino alle modifiche meno evidenti degli scimpanzé.

Anche l'atmosfera del parlamento, nel primo caso risulta essere brillante e luminosa, mentre nel secondo si incupisce dando un senso di abbandono all'ambiente.

A Ottobre del 2019 Sotheby's ha battuto all'asta Devolved Parliament di Banksy per la cifra record di oltre 11 milioni di Euro.

Il quadro era stato stimato intorno a 1.5/2 milioni di Sterline, ed è stato venduto alla cifra più alta mai vista per un'opera dello Street Artist.


Banksy - Morons - "I Can't Belive you Morons Actually Buy This Shit"

Morons è una serigrafia eseguita da Banksy nel 2006, e raffigura un banditore che conduce un'asta in una sala piena di acquirenti con un Quadro in Vendita.

Nell'Opera in vendita compare la scritta:" I Can't Belive you Morons Actually Buy This S##t - Non posso credere che voi idioti compriate questa m###a".

La prima volta che quest'opera venne esposta nel 2006, fu durante la famosissima mostra evento Barely Legal a Los Angeles, organizzata da Banksy in un magazzino.

Morons fa parte di un rarissimo set di 6 pezzi rinominato Barely Legal Print Set, creato appositamente per l'esposizione di LA, ed è affiancato da altre stampe che riproducono i soggetti preferiti dell'artista.

Di quest'immagine vennero riprodotte 100 stampe non firmate in occasione della mostra, ma nel 2007 ne furono stampate altre 500 di vari colori non autografate, oltre alle 150 in bianco e nero e le 300 color seppia firmate.

Banksy - Morons - "I Can't Belive you Morons Actually Buy This Shit"
L'Opera di Banksy Morons

Con questa Serigrafia Banksy ha voluto dare la sua satirica interpretazione del mercato dell'arte contemporanea, che riteneva un circolo di privilegiati.

L'artista critica i prezzi esorbitanti a cui possono arrivare le opere di certi artisti, come per l'episodio di Van Gogh dove il suo vaso di girasoli venne venduto a 22.5 Mln di Sterline.


Banksy - Sale Ends Today

La stampa di Banksy Sale Ends Today viene realizzata dall'artista per la prima volta in occasione del famoso evento Barely Legal, tenutosi in un magazzino a Los Angeles nel 2006.

Quest'opera dello Street Artist britannico faceva parte di una collezione ideata apposta per l'esibizione, rinominato Barely Legal Print Set.

Nella Collezione Barely Legal erano presenti anche Morons, Grannies, Festival, Trolleys, Applause.

Sale End è stata riprodotta in 100 copie vendute a 500 $ l'una durante la mostra di Los Angeles e nel 2007 vennero riprodotte altre 150 stampe firmate.

In questa rappresentazione sono ritratte quattro donne prostrate sotto un cartello in cui compare la scritta: "SALE ENDS TODAY" che tradotto dall'inglese significa "OGGI FINE SALDI."

Sale Ends Today - Banksy
Sale Ends Today - Banksy

Le quattro protagoniste dell'opera assomigliano alle figure femminili utilizzate nei dipinti rinascimentali, spesso presenti alla base dei crocefissi con espressione sofferente.

Le sagome delle donne in Sale End sono rappresentate in bianco e nero con la tipica tecnica dello stencil, mentre il grande cartello che compare sopra le loro teste è rosso con la scritta in grassetto bianca.

Il colore rosso viene usato come elemento di contrasto per richiamare l'attenzione dei clienti come succede al giorno d'oggi nei negozi, una sorta di strategia messa in atto al fine di far acquistare beni non necessari e incitare il consumismo.

Banksy sottolinea con la solita ironia pungente, la devozione quasi religiosa che la società materialista odierna dedica ad eventi commerciali come il Black Friday o l'Amazon Prime Day, enfatizzando quest'aspetto con l'espressione quasi di lutto delle quattro donne.

In seguito nel 2017 è stata realizzata sempre in tiratura limitata di Banksy "Sale Ends Today v.2" dove compare una quinta figura maschile.


Banksy: Weston-super-Mare

Weston Super Mare è un'opera di Banksy definita dall'artista come un allegro tributo alle città costiere britanniche, ma probabilmente l'affermazione nasconde un velo di ironia come in tutto quello che fa.

L'edizione di Weston Super Mare è composta da 750 stampe, di cui 150 firmate da Banksy.

Il writer britannico raffigura in quest'opera un signore anziano seduto su una panchina del lungomare con le mani incrociate sul ventre ed il bastone appoggiato affianco, mentre dalla sua destra si vede arrivare una sega circolare.

Lo sguardo dell'anziano è rivolto verso sinistra, noncurante del pericolo che si fa strada dalla parte opposta.

Questa rappresentazione può avere un significato piuttosto crudo, ovvero che il pericolo e la morte possono arrivare da ogni angolo e soprattutto quando meno ce lo aspettiamo.

Banksy - Weston-super-Mare
Opera di Banksy Weston-super-Mare

In alternativa può essere interpretato in modo più filosofico, come un promemoria che ci invita a goderci ogni momento della vita e trovare qualche volta il tempo di osservare il panorama.

L'opera Weston Super Mare è ispirata all'omonima località balneare nel North Somerset, dove Banksy ha aperto Dismaland nel 2015 con la collaborazione di 58 diversi artisti tra cui Damien Hirst.


Season's Greeting - Banksy

Season's Greeting è uno dei murales più recenti creati da Banksy e compare il intorno al 20 Dicembre 2018 su due lati di un garage a Port Talbot in Galles.

L'opera richiama una tipica immagine natalizia e raffigura un bambino con uno slittino affianco e le braccia aperte, sotto quella che sembrerebbe una nevicata, mentre cerca di catturare i fiocchi di neve con la lingua.

Girando l'angolo si può osservare l'altro pezzo di murale, dove si realizza che quella che cade dal cielo non è in realtà neve, ma cenere proveniente da un cassonetto in fiamme.

Il messaggio dietro a quest'opera è una critica del writer sul tema ambientale, visto il tasso di inquinamento presente in queste zone dovuto alla presenza di una delle più grandi acciaierie d'Europa di proprietà della multinazionale indiana Tata.

L'inquinamento atmosferico tra l'altro è un problema che coinvolge tutto il pianeta, causando 7 milioni di morti premature all'anno secondo uno studio dell'Oms.

Season's Greeting - Banksy
Il Murales di Banksy Season's Greeting

Banksy decide di creare Season's Greeting dopo aver ricevuto un messaggio da un residente del posto ed ex dipendente delle acciaierie, molto sensibile ai problemi di salute che colpiscono i bambini a causa dell'inquinamento.

In risposta lo Street Artist ha fatto comparire i suoi graffiti sul garage del mittente, autenticando il lavoro con un video sul suo sito, in cui riprende l'opera da ogni angolazione inquadrando alla fine lo sfondo del paesaggio pieno di camini industriali fumanti.

Come ogni lavoro di Banksy anche questo ha attirato numerosi visitatori, e se pur protetto con cura, non è mancato il solito vandalo di turno che però è stato bloccato da un gruppo di vigilanza formato da volontari del posto.

Season's Greeting ha causato numerosi disagi al proprietario negli anni, che ha deciso di vendere l'opera acquistata poi dal collezionista d'arte John Brandler per una cifra che si aggirerebbe intorno alle 129000 Sterline.

Brandler ha concesso di lasciare il murale di Banksy in esposizione per almeno tre anni in uno spazio adeguato della città.

Dopo aver fatto rimuovere Season's Greeting da un'azienda specializzata nella restaurazione delle opere d'arte, è stata trasferita in un ex stazione di polizia ristrutturata a Ty'r Orsaf, in uno spazio dedicato alla Street Art insieme ad altri pezzi di Banksy appartenenti alla collezione di Brandler.


Barely Legal è stata una delle prime mostre organizzata da Banksy, che era già noto nel mondo dell'arte per il suo stile ironico/satirico, e aveva già esibito alcune sue opere durante gli eventi Turf War e Crude Oils.

Lo scenario scelto per l'esposizione Barely Legal fu un magazzino della zona industriale di Los Angeles, in cui lo Street Artist mise a disposizione le proprie opere per un week end, inaugurando la mostra il 16 settembre 2006.

Proprio come la sua identità, anche i dettagli dello show di Banksy rimasero un mistero fino al giorno dell'inaugurazione, comunicati tramite il web solo la mattina del 16 settembre.

All'evento parteciparono artisti, critici e collezionisti ma anche celebrità dello spettacolo come musicisti e attori.

Tutti rimasero sbalorditi all'ingresso della mostra perché ad accoglierli c'era un elefante indiano.

Il pachiderma di 37 anni Tai, era stato interamente dipinto con la stessa fantasia della carta da parati che rivestiva la stanza, ed era libero di girare per l'ambiente.

Banksy, servendosi del detto inglese dell'elefante nella stanza, voleva sottolineare come i veri problemi del mondo passino in secondo piano per la società, che finge di non vedere emergenze come la fame e la povertà presente in certi luoghi della terra.

Venne anche distribuito un volantino in cui c'era scritto: "C'è un elefante nella stanza. Venti miliardi di persone vivono sotto la soglia di povertà."

La scelta dell'eccentrico artista di usare un elefante ha mosso diverse polemiche tra gli animalisti, e sebbene il writer avesse i permessi per farlo, le critiche furono numerose.

Per questa mostra, tra gli altri lavori, venne ideato anche un set di opere composto da 6 stampe, in cui erano raffigurati diversi aspetti della società moderna con la visione di Banksy, rinominato Barely Legal Print Set.

Le stampe usate per la collezione Barely Legal Print Set era composta dalle opere:

  • - Morons, raffigura un'asta in cui il banditore vende un quadro dove compare la scritta: "I can't Belive You Morons Buy This Shit".
  • - Grannies, (Nonne) ritrae due nonne intente nel lavoro a uncinetto, mentre realizzano maglie con scritto sopra "Punks Not Dead" e "Thug For Life".
  • - Trolleys, (Carrelli) rappresenta tre uomini delle caverne con in mano delle armi primitive, accovacciati nell'intento di cacciare dei carrelli della spesa.
  • - Applause, (Applausi) raffigura un Jet da combattimento sulla passerella di una portaerei, con di fianco due controllori del traffico aereo di cui uno tiene in mano un cartello con la scritta "Applause".
  • - Sale Ends, (Fine Saldi) ritrae quattro donne dall'aria disperata prostrate sotto un cartello che recita "Oggi Fine Saldi"
  • - Festival (Destroy Capitalism) raffigura un gruppo di persone in coda a una bancarella per acquistare una maglietta in cui compare la scritta Destroy Capitalism.

Dismaland - Banksy - "Il Parco Giochi Non Adatto ai Bambini"

Il 21 agosto 2015 l'artista britannico Banksy attira di nuovo l'attenzione del pubblico inaugurando Dismaland, un parco divertimenti a tema definito dall'artista non adatto ai bambini.

L'installazione nasce in un resort abbandonato chiamato Tropicana a Weston Super Mare, una località balneare del Somerset, e rimarrà aperta soltanto un mese fino al 27 settembre 2015.

Per mantenere l'alone di mistero tipico dell'artista e allontanare i curiosi durante i lavori, era stato raccontato che il parco sarebbe stato il set di un film di Hollywood.

Con Dismaland Banksy crea una sorta di parodia in una versione piuttosto macabra del famosissimo parco divertimenti per famiglie, non a caso Dismal significa tetro.

Il prezzo del biglietto era di 3£ e il numero massimo consentito di visitatori in una giornata era di 4000.

Per questa grande installazione Banksy ha creato dieci opere oltre che finanziare l'intero progetto, inoltre hanno partecipato 58 artisti tra cui Damien Hirst, Jenny Holzer e Jimmy Cauty.

Al centro del parco sorge un castello volutamente incompleto, con davanti una specie di laghetto che sembra più che altro una palude, da cui spunta una statua della Sirenetta di cui si distinguono a malapena i tratti.

Dismaland - Banksy
Dismaland - Banksy

Molte delle attrazioni erano decisamente inquietanti, come l'autoscontro, in cui una macchinina al centro della pista era guidata dalla morte e 

Un'altra Opera della denuncia Sociale di Banksy erano delle piccole barche che trasportavano migranti e li lasciavano davanti agli scogli.

C'era poi una versione di Cenerentola realizzata proprio da Banksy, rappresentata priva di sensi nella carrozza distrutta da un incidente e già circondata da una squadra di paparazzi pronti ad immortalare la scena.

I visitatori che parteciparono a questo evento furono davvero numerosi e le opere esposte altrettanto, se pur Dismaland sia rimasta aperta solo un mese ha attirato più di 150000, persone portando 20 milioni di Sterline nelle casse locali.


Dal Gross Domestic Product allo Shop Online di Banksy

Il primo ottobre 2019 Banksy sorprende i cittadini di Londra inaugurando nella zona di Croydon il Gross Domestic Product, un temporary shop che resta "aperto" due settimane e che mette in vendita le opere dell'artista.

Il negozio dell'eccentrico Street Artist nasce come quasi tutte le sue installazioni, a sorpresa e nell'arco di una notte, annunciato in seguito sulla pagina ufficiale di Banksy.

Il Gross Domestic Product ha preso posto in un negozio di tappezzerie dismesso, dotato di cinque vetrine da cui si sono potute ammirare le opere in vendita dall'esterno, essendo vietato l'accesso al pubblico.

Per acquistare alcuni dei prodotti in esposizione è stato ideato uno Shop Online in cui è possibile prenotare l'opera desiderata entro il 28 ottobre.

Gross Domestic Product - Lo Shop di Banksy a Londra
Gross Domestic Product - Lo Shop di Banksy a Londra

Inserendo i propri dati si partecipa a una sorta di estrazione casuale che da la possibilità di essere candidati all'acquisto di un Banksy.

Gli articoli sono realizzati a mano nel Regno Unito con materiali riciclati, pertanto il numero degli articoli in vendita è limitato rispetto alle richieste.

Essendo l'Artista Banksy famoso per la noncuranza verso i guadagni, ha stabilito dei prezzi limite che non potranno essere superati, in modo da dare la possibilità a tutti di acquistare una sua opera.

La motivazione che ha spinto l'artista ad aprire un'attività commerciale, nasce a seguito di un contenzioso legale che ha visto coinvolto il writer e i suoi diritti d'autore.

Una società di gadget infatti voleva produrre delle cartoline con le sue immagini usando il nome dell'artista, che non era affatto dell'idea.

Esiste però una normativa della Comunità Europea secondo la quale se non utilizzi un marchio a fini commerciali per un determinato periodo di tempo, un'altra società può rilevare i diritti d'autore e usarli a sua volta per la commercializzazione.

Banksy, consigliato dai suoi avvocati ha deciso di rispondere alla causa intrapresa aprendo il Gross Domestic Product difendendo la sua arte.

Nell'allestimento del Gross Domestic Product inoltre, un particolare ha destato la curiosità dei più attenti: dentro al camino presente in una delle cinque vetrine, compare un cartello raffigurante la stessa immagine che i Massive Attack usarono per la copertina del loro album d'esordio Blue Lines del 1991.

Come abbiamo anticipato, il giorno in cui sono state rese disponibili le prenotazioni delle Opere del Gross Domestic Product è stato inserito un link nel footer del sito (in fondo) che linka il sito Bbay.

Banksy sembra quindi voler assumere il controllo sulla compravendita delle sue opere.


Vendita Opere di Banksy: Quotazioni e Prezzi online

Le quotazioni delle Opere del Famoso Street Artist sono in continua crescita ed in molti Galleristi e Collezionisti d'Arte puntano ad investire nei suoi lavori.

Se desideri ricevere di Banksy Quotazioni e Prezzi delle Opere in Vendita aggiornate 2020 con anche le battute d'asta è sufficiente cliccare su "Mostra Prezzo" all'Interno dei Prodotti.

La Galleria Deodato Arte ti offre Opere in Edizione Limitata, Firmate da Banksy e/o certificate da Pest Control, l'ente ufficiale per la Certificazione dello Street Artist.

Per qualsiasi informazione sulle Opere di Banksy in Vendita puoi inviarci una mail a [email protected] o Chiamarci allo 02/80889264

Tutte le Opere di Banksy