Jeff Koons

«Cerco di essere un artista sincero e cerco di mostrare un livello di coraggio. Mi piace questo. Io sono un messaggero.»

J. Koons

Imposta la direzione decrescente
per pagina

5 elementi

Imposta la direzione decrescente
per pagina

5 elementi

Jeff KoonsJeffrey Koons, più semplicemente conosciuto come Jeff Koons (York - Pennsylvania, 21 gennaio 1955), è un artista statunitense considerato un'icona dello stile neo-pop e noto per le sue opere di gusto kitsch, che illustrano ironicamente l'american way of life e la sua tendenza al consumismo.
Nella seconda metà degli anni Settanta frequenta per due anni l'importante Art Institute di Chicago, dove ha modo di seguire le lezioni del noto insegnante e pittore Ed Pasche. Nel 1977 si trasferisce nella città di New York, dove abbandona la modalità di pittura tradizionale, abbracciando così la corrente artistica concettuale; in questo periodo trae ispirazione da artisti particolari come Martin Kippensberger e Robert Smithson.

Nel corso della propria carriera, Koons si è espresso attraverso l'utilizzo di un'ampia gamma di tecniche, come scultura, pittura, installazioni e fotografia, e l'utilizzo di differenti materiali tra cui pigmenti, plastica, gonfiabili, marmo, metalli e porcellana.
L'artista viene generalmente definito erede di Andy Warhol e continuatore della pop art ed è anche spesso associato Marcel Duchamp, del quale reinterpreta la tecnica del ready-made.
La sua arte è indissolubilmente legata alla cultura di massa e alla società dei consumi, con cui Koons instaura un rapporto ambiguo: da una parte la cultura di massa resta la sua principale fonte ispirazione, mentre dall'altra le sue opere esprimono una critica piuttosto esplicita condotta con intelligente ironia verso la banalità e la superficialità del consumismo.
Ciò che colpisce dunque di Jeff Koons è la sua contraddittorietà, la sua capacità di esprimere una critica tagliente nei confronti della società moderna e dell’american way of life usando gli stessi strumenti che nutrono questo sistema: l'artista dissacra quella società che lo ha reso (e continua a renderlo) ricco e famoso.

Oggi Jeff Koons è considerato uno degli artisti più ricchi al mondo e più ricercati nel mercato dell'arte contemporanea. Il valore delle sue opere è cresciuto in modo vertiginoso nel giro di pochi anni. “Balloon dog”, la famosissima scultura in acciaio rappresentante un cane fatto coi palloncini realizzata nel 1990 in cinque colori diversi, è stata infatti battuta nell'asta di Christie's del 12 novembre 2013 a New York per 58,4 milioni di dollari. Mai fino a quel momento opera d’artista vivente arrivò a tale cifra.