Helmut Newton

  • Fotolitografie: le fotolitografie di Helmut Newton sono realizzate in edizione limitata su un supporto di carta. Tutte le opere sono firmate in originale dall'artista e finemente incorniciate con vetro museale.
Imposta la direzione decrescente
per pagina

32 elementi

Imposta la direzione decrescente
per pagina

32 elementi


Helmut Newton - Biografia dell’artista

Helmut Newton nasce a Berlino da una famiglia ebrea nel 1920. Appassionato di fotografia sin da piccolo, già a 12 anni lavora a fianco della fotografa Elsie Neulander Simon, conosciuta con lo pseudonimo Yva

A seguito delle leggi razziali, il fotografo Helmut Newton è costretto a lasciare la Germania e a rifugiarsi a Singapore, dove inizierà a lavorare per il Singapore Straits Times.

In seguito, venne espulso in Australia dove entrò a far parte dell’esercito australiano. Finita la Seconda Guerra Mondiale, Helmut cambiò il suo cognome Neustädter nella traduzione inglese Newton.

Trascorse gran parte della sua vita a Parigi dove cominciò da subito a lavorare per French Vogue. Inizió così la sua lunga carriera in ambito fotografico. 

Vivrà successivamente tra Monte Carlo e Los Angeles, dove qui perderà la vita nel 2004, in un incidente stradale ad Hollywood.

Helmut Newton: fotografie controverse e stile al limite

In Helmut Newton, fotografie e stile controversi e al limite trovano un punto d’incontro sin dall’inizio della carriera, quando si interessa alla rappresentazione del corpo femminile.

I suoi scatti, dal forte contenuto erotico, hanno al contempo un intento ludico e ironico. La donna è la vera protagonista delle sue foto. Helmut Newton la raffigura forte e capace di sedurre senza essere necessariamente volgare. Il soggetto, dunque, domina la scena offrendo una nuova prospettiva di analisi di sé e del mondo circostante.

È negli anni Sessanta che, pioniere e rivoluzionario nel mondo della moda attraverso le sue fotografie, Helmut Newton introdurrà per la prima volta i corpi nudi delle modelle.

Le tematiche che caratterizzano le foto di Helmut Newton vanno dai servizi realizzati per le campagne di moda, a nudi erotici e provocazioni, ma anche ai ritratti ad iconici personaggi internazionali come Andy WarholCatherine Deneuve e Paloma Picasso.

L’immagine e l’intento che costruisce attorno a sé e ai suoi scatti è quella di un provocatore. Anche lo spettatore, inconsapevolmente, viene provocato dalle sue fotografie, diventando una sorta di voyeur involontario, bersaglio di un’elegante e sofisticata ironia.

Unico nel suo genere, Helmut Newton è ricordato per la tensione erotica che sprigiona e racconta in ogni singolo scatto.

Helmut Newton: nudi e contenuti erotici

Per Helmut Newton, nudi e contenuti erotici saranno essenziali nel suo lavoro, iniziato a Melbourne dopo l’inaugurazione del primo studio fotografico. Sarà proprio lì che conoscerà la donna che sarà sua musa e amante per oltre 56 anni: June Browne, conosciuta poi come June Newton.

In seguito, lavora con numerose modelle mostrandone il corpo femminile senza pudore e trattando temi, all’epoca scandalosi, come l’emancipazione femminile, il sadomasochismo, l’omosessualità e il voyerismo

Il modo in cui ritraeva Helmut Newton modelle e altri soggetti dei suoi scatti ha, da sempre, posto gli spettatori ad interrogarsi circa il ruolo che questi soggetti avessero: alle modelle era dato del potere tramite questi scatti oppure erano semplicemente trattate come oggetti sessuali?

Helmut Newton ha sempre voluto vedere le donne emancipate, dunque, non era desideroso di ritrarle come oggetti ma piuttosto come soggetti consapevoli del potere seduttivo e della femminilità che risiede in ognuna di loro senza cadere mai nella volgarità. 

“Sono attratto dal cattivo gusto, è molto più eccitante di quel presunto buon gusto, che è solo un modo standardizzato di vedere le cose.”

Helmut Newton: Riviste e pubblicazioni

Per Helmut Newton riviste e pubblicazioni avranno un ruolo di particolare importanza lungo tutta la sua carriera fotografica. 

Le riviste di moda per cui ha lavorato sono Vogue, Playboy, Vanity Fair, GQ, Elle e molte altre. Hanno avuto un ruolo cruciale agli inizi della sua carriera.

Gli scatti, inoltre, vengono esibiti in numerose mostre in giro per il mondo come Venezia, New York, Parigi, Londra e Mosca.

È a metà degli anni Settanta che ha inizio la carriera da fotografo affermato grazie anche ai precedenti lavori con le riveste di moda. Con la pubblicazione del primo volume fotografico di Helmut Newton, White Woman, viene rivoluzionato il concetto di fotografia di moda e si vuole trasformare il ruolo che la donna aveva nella società occidentale.

Ma è con la pubblicazione di Helmut Newton Big Nudes che diventa il protagonista della fotografia del Novecento. Il volume fotografico è, infatti, determinante in quanto inaugura una nuova dimensione: quella della gigantografia. L'artista con questa serie dona alle modelle una carica erotica e femminile che mostra donne forti, decise e sicure della propria femminilità.

Ulteriore tappa fondamentale è la pubblicazione di un lavoro senza precedenti: SUMO. Helmut Newton ha affrontato un’audace avventura editoriale per la pubblicazione di questa raccolta di immagini dalle dimensioni eccezionali. La volontà di creare un lavoro di queste proporzioni era dovuta al fatto che Newton voleva costruire una sorta di esposizione privata. 

Il volume SUMO, edito TASCHEN ha segnato una pietra miliare non solo nella carriera di Newton ma anche per qualsiasi impresa editoriale intentata prima di allora. Sia il costo del volume, definito come il libro più costoso pubblicato nel corso del XX secolo, che il peso, di oltre 35 chili, segnano un punto di svolta nelle pubblicazioni editoriali.

Helmut Newton: fotografie in vendita

Per chi fosse interessato alle foto Helmut Newton in vendita, Deodato Arte offre di una selezione di opere dell’artista in vendita online.

Se interessato a conoscere delle foto di Helmut Newton prezzi, quotazioni o quali opere saranno in esposizione presso la Galleria d'Arte Contemporanea Deodato Arte non esitare a contattarci mandando una e-mail all’indirizzo [email protected].