Hitomi Maehashi

Imposta la direzione decrescente
per pagina

17 elementi

Imposta la direzione decrescente
per pagina

17 elementi

Hiomi Maehashi

Hitomi Maehashi, classe 1989, è la regina della Pittura Digitale su Fotografia.
 
Esponente della scuola artistica di Nagoya (Aichi Art School), tra le più rinomate di tutto il Giappone per le arti visive e la pittura, ha rievuto la stessa formazione di latri grandi ed affermati artisti, come il Maestro del Kawaii Superflat  Nara Yoshitomo e l'artista pop japanese Tomoko Nagao.
 
La tecnica di Hitomi è sorprendente: pittura digitale su fotografia. Uno step che va oltre Photoshop, oltre il foto ritocco e la pittura grafica digitale. Si tratta di una tecnica innovativa, meticolosa e ben rappresentativa delle nuove tendenze artistiche POP giapponesi.
Le sue immagini rappresentano persone comuni, tra le quali ritrae molto spesso se stessa, ma identificate da un forte connotato giapponese, proveniente dalle culture dei Fumetti (sopratutto i manga di genere SHOJO, manga per ragazze, di gusto femminile, con  grande successo anche in occidente), e dalla caratteristica pratica del "COSPLAY", letteralmente "costume player", dove molte ragazze e ragazzi si travestono da personaggi di fumetti o di cartoni animati, mescolando questa tendenza "street culture" con una pratica detta "KIGURUMI".
 
L'artista dichiara al blog Nipposuggestioni:
 
"Faccio opere del mondo che sto personalmente vedendo, non un mondo suggerito o di fantasia.
Esiste però un divario tra la realtà che provo ogni giorno e la realtà oggettiva che appare nelle foto.
Spesso scatto foto utilizzando me stessa come modello, e riporto il mondo che vedo su quella foto, così nasce la creazione di un mio lavoro: gli occhi e le figure si trasformano, mantenendo un immagine molto realistica, con grandi occhi e pelle che sembra di vinile o di porcellane, come le bambole e i Vinyl Toys della mia cultura. Anche se sembra innaturale per gli altri, è una forma naturale per me stessa.
Realtà e finzione sono mescolate insieme, senza più confini e anche io perdo traccia di ciò che è reale e ciò che è una bugia."